COMUNION N. 7: 1-7 Mar.
 
 

Centenario della morte dei Santi Giovanni de Matha e Giovanni Battista della Concezione. Intervista alla Famiglia Trinitaria

P. Javier Carnerero Peñalver, Procurador y Postulador General de la Orden. Provincia de España Sur.

1. ¿En términos vocacionales, qué significa para ti la celebración de este Centenario?

Nuestros Padres vivieron ambos su vocación en un periodo comprendido entre el 98 y el 13 de los siglos XII-XIII y XVI-XVII respectivamente. Ahora nosotros nos encontramos precisamente al final de ese periodo entre los siglos XX-XI. Para san Juan Bautista de la Concepción, esos 15 años de la vida de san Juan de Mata, la relectura de su proyecto, condicionaron e iluminaron la obra de la Reforma, nosotros tenemos la gracia de ver ambos periodos en perspectiva. Para el santo manchego no fue un simple trabajo de erudición histórica, sino un planteamiento de vida, un beber de las fuentes para regenerar la Orden.
Vocacionalmente pienso que este año debe tener, tanto para las estructuras, como sobre todo para los individuos, ese aliciente, ¿qué?, ¿cómo?, ¿por qué?, san Juan de Mata; ¿qué?, ¿cómo?, ¿por qué?, san Juan Bautista; ¿qué?, ¿cómo?, ¿por qué?, yo. Para los dos primeros las respuestas, o mejor dicho la respuesta, es simple: lo que Dios me pide, como Dios me lo pide, porque Dios me lo pide, lo significativamente vocacional es cuestionarnos si esa es también nuestra respuesta.

2. Y para la Familia Trinitaría, ¿crees que es importante esta celebración?

En sí mismo el centenario es un medio, una ocasión, no es un fin, no creo que san Juan Bautista tuviese una conciencia celebrativa de que lo que él hacía estaba ocurriendo cuatrocientos años después de lo vivido por san Juan de Mata, y mucho menos que duraría el mismo tiempo, lo significativo es que lo hizo (cf. Obras III, 40-44, o II 75-80), lo importante en ese sentido es que lo hagamos.
Mi evaluación de estos quince años no es muy positiva, dentro de cuatrocientos años no creo que este periodo pueda ser revisto por la Orden como un hito, por eso creo que, tal vez, que hemos perdido una oportunidad. Pero las experiencias son personales, cada uno como individuo o como comunidad es el que se lo tiene que plantear. Si pasar expediente, si dar espectáculo, si pasar del tema, responden a los ¿qué?, ¿cómo?, ¿por qué? de los que hablamos antes, el ¿cuándo? en realidad, como el ¿dónde? me parecen accidentales. El quién es siempre un nosotros, y para qué creo que se responde con las tres primeras, si realmente esta es nuestra esperanza.

3. ¿Habría que rejuvenecer estas dos figuras para ofrecerlas hoy al mundo?

No creo que sea necesario rejuvenecer a los Padres, las buenas películas, los buenos libros son, precisamente, aquellos que no pasan de moda, que vistas o leídos hoy tienen la misma garra, la misma actualidad que en el tiempo que se realizaron o escribieron, si no sólo son modas, algo que como cierta ropa, nos avergüenza cuando nos contemplamos pocos años después.
La verdad de los santos está en ellos mismos, y evidentemente para tenerla es necesario conocerla, no se puede amar lo que no se conoce, intentar hacer de ellos un remake, como los que se usan en el cine cuando faltan las ideas, no me parece positivo. San Juan Bautista no fue un remake de san Juan de Mata, y puede que mucho de nuestra errada visión del Fundador se base precisamente en ese iluso intento. Para ofrecerlas al mundo pienso que es importante simplemente conocerlas, de lo que llena el corazón habla la boca, no es importante un discurso erudito, sino un testimonio de vida, un creerse lo que se hace y lo que se dice, pero ciertamente el tener ese patrimonio es conditio sine qua non para poder hacerlo.

4. Finalmente, ¿cómo presentarías a los jóvenes en formación a nuestros dos santos?

Evidentemente a ellos como al mundo hay que presentárselo desde el conocimiento, desde la fidelidad a las figuras, a su verdad, y desde el testimonio de vida. Desde un punto de vista más pragmático, diría que es indispensable acercar las fuentes a las nuevas presencias, hay ciertas distancias que deben ser superadas y que evidentemente necesitan de decisiones y de voluntad de gobierno para conseguirlo. Una barrera ciertamente es la lengua, fuera del español la literatura de la Orden es mínima. Un conocimiento del español, aunque sólo sea a nivel de lectura, posibilitaría a muchos acercarse a esa literatura. Un esfuerzo por traducir parece titánico, pero hacerlo con algunos títulos significativos sí se podría asumir, y un material mínimo divulgativo es cuanto menos indispensable.
Más fácil y realista y tal vez con una proyección más amplia sería preparar algunos jóvenes dotados de las nuevas presencias en estos temas de forma que ellos puedan llevar a sus lugares de origen este conocimiento, publicar ellos sus propios estudios y en ese sentido difundir este mensaje sea dentro como fuera de la Orden.
Pero la lengua no es la única barrera, algunas son más sutiles, pero no por ello menos altas, los jóvenes y los religiosos que conocen el español (por seguir con ese ejemplo) no son necesariamente grandes conocedores de nuestra literatura, se necesita también motivar ese conocimiento, encauzarlo, apoyarlo.
En ese sentido, veo con decepción cómo muchos maestros descargan su esfuerzo en programas interconfesionales (aptos a mi juicio para institutos sin patrimonio y sin recursos), plantean sus Ratios en modelos publicados de Institutos con aires de especialistas en la vida religiosa (haciendo de los formandos salesianitos o claretianitos con cruz) o simplemente en la formación en un seminario mayor diocesano (que los hace parroquitos con cruz). En ese sentido la cruz, lo trinitario, no es más que un adorno o en algunos casos un peso, en definitiva algo de lo que uno se puede desprender y quedar el mismo.

N E W S

Professione Solenne a Napoli
La provincia della Natività della Beata Vergine Maria, Italia Sud, è lieta di invitare la Famiglia Trinitaria alla celebrazione di emissione della Professione Solenne di quattro giovani trinitari:

Fra Jean Florent Igor Ntandou (Congo)
Fra Łukasz Janecki (Polonia)
Fra Mouzabakani Emka Delfi Amour (Congo)
Fra Daniel Da Silva Gonçalves (Brasil)

La cerimonia avrà luogo nella Parrocchia Santissima Trinità al Corso Malta, Via Fontanelle al Trivio, 20 – Napoli, il 25 Marzo 2012 alle ore 12.00. Auguri ai giovani che professeranno e alla Provincia d’Italia Sud.

El Personaje

P. Angelo Buccarello

Sono fiero di essere Trinitario e ora più di prima mi sento fortunato e privilegiato per essere stato chiamato in quest’Ordine.
Non dovevo entrare dai Trinitari! Da ragazzo avevo un vago desiderio di essere sacerdote e siccome un salesiano del mio paese venendo in vacanza ci animava con giochi, passeggiate ecc. ero quasi deciso di entrare da loro. Torino però era a circa 1000 km, allora ho bussato alle porte dei trinitari che erano solo a 2 km. Ma grandissima difficoltà, bisognava pagare una retta di 4000 lire mensili. La mia famiglia era troppo povera per sostenere quella spesa anche perché io ero il primo maschio di sei figli e potevo lavorare per aiutare la famiglia.
Avevo una salute gracile, ma mi sono messo a fare qualche lavoretto e imparare un mestiere. Ho lavorato in un bar, aiutante in una famiglia agricola e anche pastorello (e qui il montone della mandria ha rischiato di uccidermi con le sue immense corna). Imparavo a fare il muratore e l’imbianchino lavorando come assistente.
Dopo due anni sono ritornato dai Trinitari che vista la mia insistenza hanno accettato di accogliermi per una retta ridotta. Un po’ la timidezza, un po’ la poca preparazione mi hanno creato delle difficoltà all’inizio. Poi si sono sviluppati in me i talenti che il Signore mi aveva dato e pian piano sono salito nell’apprezzamento presso i miei compagni e i superiori. Ero un buon animatore di feste, attore, mezzo prestigiatore e poi un giovane molto pratico in lavoretti di casa, anche intraprendente per cui i superiori mi affidavano vari impegni e commissioni.
Una lettera circolare del Generale di allora, che esortava i giovani sacerdoti a passare 6 anni in missione per un servizio alle genti e un’esperienza pastorale ,mi ha fatto cambiare i sogni che coltivavo negli anni conclusivi della teologia. Nel 1969 partivo come missionario in Madagascar. Con tanto entusiasmo, ma anche ignaro della realtà. Non eravamo preparati.
Sul posto, i confratelli veterani, il buon senso, la buona volontà di essere utile e tanta grazia di Dio, ho lavorato con la gioia di tutti. Il Signore mi ha permesso di fare tanto bene, ha operato dei miracoli attraverso me.
Ho passato 8 anni ad Anosibe An’Ala, zona di foresta molto difficile e disagiata. Là ho costruito una sala parrocchiale e una casa per i catechisti, un edificio di 30 metri. Visto questo successo edilizio i superiori mi hanno chiamato a dirigere la costruzione del Tempio alla Trinità a Moramanga.
Nel 1981 fui chiamato nella Capitale come Superiore, Delegato Generale e Maestro dei giovani chierici. Ma, appena due anni dopo, sono stato coinvolto a operare nelle carceri di Antananarivo come cappellano per sostituire P. Antonio Albeniz.
Nei primi tempi la mia azione era solo a carattere religioso e spirituale, poi la dimensione socio-umana si è sviluppata di molto ma senza lasciare la pastorale catechetica e sacramentale. Negli ultimi anni abbiamo lavorato molto nel campo giuridico a difesa dei diritti umani, tanto che sono stato fatto membro della prima Commissione nazionale dei diritti umani del Madagascar, unico non malgascio.
L’attività delle carceri, che proprio non pensavo di fare, mi ha preso più di tutto, non per bravura mia, ma perché un insieme di circostanze e di persone provvidenziali che si sono associate a collaborare, hanno fatto sviluppare un organismo multifunzionale l’ACP (Aumônerie Catholic des Prisons) a favore dei carcerati, delle loro famiglie, specialmente dei figli e dei ex detenuti, ecc.
Confrontando l’opera sorta e le mie limitate capacità ho capito il grande Amore di Dio-Trinità per la sofferenza disumana, atroce, ingiusta a cui erano sottoposte tante persone che per la maggior parte avevano la sola colpa di essere poveri. Un opera carismatica trinitaria riconosciuta da tutti i vescovi locali.
Ai carcerati facevamo vivere spiritualmente e umanamente il carisma trinitario per cui il grande grido-saluto, ripetuto 3 volte, alla nostra entrata o uscita dal Carcere (con 3000 carcerati) era Voninahitra an’ny Trinite Masina – Fahafahana ho an’ny Babo” “Gloria alla Trinità - libertà ai prigionieri”.
È stata quest’opera che poi ha procurato umanamente più successo e gloria all’Ordine, alla Chiesa locale e anche a me. Ero diventato fra gli ecclesiastici più famosi del Madagascar. Mi ha procurato due medaglie al merito nazionale e un premio “Diritti dell’uomo della Repubblica Francese” e, coincidenza, in quel 1996 era consegnato direttamente dal Presidente Jacques Chirac.
Nel 1993 sono stato nominato Cappellano nazionale e questo mi ha permesso di partecipare, ogni tre anni, ai Congressi internazionali dei cappellani cattolici del mondo e arricchirmi dell’esperienza degli altri provenienti dai 5 continenti. Nello stesso tempo ho animato e organizzato dei gruppi ACP in tutto il paese per venire incontro ai bisogni alimentari, igienico-sanitari e di protezione giuridica.
Nel carcere della capitale eravamo arrivati a distribuire circa mille pasti al giorno ai più denutriti; prendere a carico le cure sanitarie; allertare i tribunali di detenuti dimenticati in carcere per anni e senza processo; abbiamo aperto 5 centri di accoglienza di ragazzi minori carcerati o figli di carcerati abbandonati per strada; un centro di riabilitazione nutrizionale per detenuti gravemente denutriti, prossimi alla liberazione; un centro di formazione rurale per giovani ex detenuti; il Centro di Tonga Soa, sede dell’associazione per l’accoglienza e la riabilitazione, prima del rimpatrio, di tutti i liberati; scuole di formazione professionale nel carcere e a Tonga Soa. Qui nel Centro, per dare un’attività ai residenti, che potevano sostare fin a 3 mesi, avevamo creato un fabbrica di carboni a partire dai rifiuti che oltre a servire le cucine dei nostri centri era destinato anche alla vendita, riducendo così la deforestazione oltre che contribuire alla pulizia.
Naturalmente non potevamo tacere di fronte a certe ingiustizie, torture e situazioni inaccettabili della condizione carceraria. Era come rendersi complici. Temevamo però che il parlarne ci avrebbe poi chiuso le porte delle carceri e non avremmo potuto essere di aiuto concreto e conforto per i tanti detenuti, i più poveri. Il dilemma era grande.
Le circostanze sono precipitate quando durante il Congresso che avevamo organizzato nel 2000 sulla condizione carceraria la realtà è venuta fuori (il Madagascar è stato l’unico paese al mondo che in occasione del Giubileo ha liberato 3000 carcerati). Poi il Capitolo Generale del 2001 mi ha chiamato in Italia come Consigliere Generale. Quel che dispiace è che l’ACP praticamente non ha continuato in tutte le sue opere.
Dal 2008 le Province Italiane mi hanno chiamato a occuparmi della formazione dei giovani religiosi. Per uno che nel 2003 aveva dichiarato che l’Ordine ha molte glorie nel passato, ma pochi sogni per il futuro, io che sono un sognatore non potevo rifiutare la proposta, forse potevo ancora dare qualcosa! Per cui ho accettato un compito anche se molto difficile. Che il Signore, aiuti la mia piccola buona volontà!
Ora avete lo stimolo per pregare per me, per i giovani che mi sono stati affidati e che costituiscono il futuro dell’Ordine e per i tanti detenuti e poveri, che vivono in situazioni disumane, che Dio ama, e che, attraverso di noi figli di S. Giovanni de Matha, vuole redimere.

La Pagina di Mons. Di Donna
Don Carmine Catalano
Quaresima: tempo di grazia: “Convertiti e credi al Vangelo”.

Queste parole udite mentre il nostro capo veniva cosparso di cenere, diventano un serio programma di vita. È ormai tempo di convertirci alla vita buona del Vangelo. È ormai tempo di vivere secondo la Grazia, o meglio, di vivere nella Grazia.
In questo tempo favorevole, ci accompagna l’esempio di vita cristiana, che ci ha lasciato il Venerabile Mons. Giuseppe Di Donna, ed in particolare in queste settimane quaresimali, rileggeremo una lettera pastorale scritta in occasione della Quaresima del 1942, intitolata “Vivere in Grazia”.
È una paterna esortazione a tutti i fedeli a riscoprire il dono della Grazia e a vivere in Grazia di Dio, pregando perché “il Sacro Cuore di Gesù possa penetrare nel vostro cuore e vi apporti abbondanti frutti di santità”. Il riferimento al Sacro Cuore di Gesù non è un semplice devozionismo, ma è il centro della Grazia di Cristo. La sede e l’origine di ogni sorgente di Grazia.
Nell’esperienza spirituale di Fra Giuseppe della Vergine, il Cuore di Gesù è centrale ed assume una grande importanza in tutte le fasi della sua esperienza pastorale, sia da missionario in Madagascar, che da Pastore della chiesa di Andria.
La sera stessa dell’ingresso in diocesi, si ritirò in cappella e, davanti al Santissimo, ancora una volta si consacrò al Cuore di Cristo con queste parole: “O Gesù dolcissimo, o Redentore del genere umano, guardate a noi... Noi siamo vostri e vostri vogliamo essere per poter vivere a Voi più strettamente congiunti… ognuno di noi oggi spontaneamente si consacra al Vostro Sacratissmo Cuore”.
Questa personale consacrazione divenne “ecclesiale”, perché invitò tutta la diocesi a consacrarsi al Sacro Cuore di Gesù, in riparazione a tanto male che si compiva nel mondo con l’inizio della Seconda guerra mondiale.
Anche noi, all’inizio della Quaresima, mettiamoci personalmente e come Chiesa, sotto la protezione dell’amore misericordioso di Dio, che si commuove e si rallegra ogni qual volta un suo figlio ritorna a lui.

Cumpleaños y Efemérides
1 al 7 de marzo de 2012.
Felicidades

1 Fra. Emil Kolaczyk, de la Provincia de Italia Sur, nacido en Radom (Polonia) en 1984
Fr. Mai Quoc Phong, de la Provincia de Italia Norte, nacido en Soc Trang (Vietnam) en 1978
Las Monjas Trinitarias recuerdan el cumpleaños y onomástico de la Venerable Angela María de la Concepción.

2 P. José Miguel Marengo Ramonda, Vicario del Vicariato de España Sur, nacido en Hernando (Córdoba – Argentina) en 1963
P. Adelson Moreira, de la Provincia de Estados Unidos, nacido en Presidento Soares (Brasil) en 1966

4 P. Francisco Pildain, del Vicariato de España Norte, nacido en Udala (Guipúzcoa – España) en 1933
P. José Antonio Santiago, del Vicariato de España Norte, nacido en Río Piedras (Puerto Rico) en 1962

5 Fra. Shinu Mathew Malaekunnel, del Vicariato de India, nacido en Koovappally en 1980
Fra. John Uzoma Odemenam, de la Provincia de Italia Sur, nacido enUbonukam (Nigeria) en 1977

7 Fra. Bénito Marcellin Raharison, de la Provincia de Madagascar, nacido en Antambohobe (Fianarantsoa) en 1979