COMUNION N. 6: Novembre 2019
 
 

COMUNIÓN Nº6
Curia Generale, Roma
NOVEMBRE 2019

INDEX

NOTIZIE BREVI

17-23 ottobre: Celebrazioni della settimana di preghiera per i Cristiani perseguitati:
• Roma
• Livorno
• Vicariato S. Simone de Rojas.
• Vicariato S. Agnese
Due fratelli in viaggio verso l’India

Provincia Nostra Signora del Buon Rimedio e Vicariato S. Agnese : Ritorno a scuola

I Trinitari e il Castello di Fontainebleau (Francia)

Hermanas Trinitarias: Un modo di vivere

Religiose Trinitarie di Valence

Incontro annuale dei responsabili degli Istituti (Francia)
21-25 ottobre, India: Capitolo della Vice Provincia S. Michele dei Santi
25- 28 ottobre, Roma: Convegno Laici Trinitari d’Italia
Professione Solenne Suor Olivina

Scoperta/Riscoperta del patrimonio storico dell’Ordine e della Famiglia Trinitaria
IN MEMORIAM


NOTIZIE BREVI

17-23 OTTOBRE: CELEBRAZIONI DELLA SETTIMANA DI PREGHIERA PER I CRISTIANI PERSEGUITATI

Dal 17 al 23 ottobre su iniziativa del SIT Generale la Famiglia Trinitaria sparsa nel mondo ha celebrato la settimana di preghiera per i cristiani perseguitati. Vi proponiamo il vissuto di questa settimana in alcuni luoghi.

Roma

Messaggio di Padre Antonio Aurelio Fernández Serrano Presidente del SIT Generale in occasione della settimana di preghiera a favore dei Cristiani Perseguitati.

Cari fratelli e sorelle, i recenti attacchi della Turchia nel nord della Siria, l’aumento della persecuzione e della distruzione in Cina, la drammatica radicalizzazione buddista del governo indiano, la crescente violenza sessuale di ragazze cristiane in Pakistan, l’intolleranza verso i cristiani nella società messicana o le molestie e l’intransigenza delle minoranze cristiane native in Colombia, tra l’altro, sono prove evidenti e visibili per la nostra preghiera. Le statistiche di persecuzione continuano ad aumentare, d’altra parte, i cristiani continuano a diminuire a causa delle continue uccisioni, soprattutto nei paesi del Medio Oriente. La Famiglia Trinitaria deve sempre avere nelle sue preghiere un ricordo speciale per i nostri fratelli e sorelle che subiscono persecuzioni. Ne conosciamo molti. Sappiamo come si chiamano e come sono i loro volti.
Non ci sono indifferenti, ma fanno già parte della nostra famiglia trinitaria. Ci parlano nel nome della Passione di Cristo, la stessa che loro soffrono. Gesù Redentore continua a versare il suo sangue nel nostro mondo. E ‘perseguitato e martirizzato per essere fedele al Padre. Vi prego di incoraggiare le diverse comunità delle vostre congregazioni in modo che il grido unanime di tutti noi costringerà la Santissima Trinità a proteggerli e accompagnarli.
Possa nostro padre San Giovanni de Matha dirigere sempre il carisma verso coloro che sono perseguitati a causa della loro fede in Cristo.


Livorno: Via Crucis dalla Fortezza vecchia

Il 18 ottobre, la parrocchia di S. Ferdinando ha organizzato una Via Crucis in Fortezza per i Cristiani perseguitati e gli emigranti, presenti in diverse parti del mondo. La Via Crucis è iniziata all’ingresso della Fortezza Vecchia e si è conclusa presso la Cappella di S. Francesco. Hanno partecipato al momento religioso il Vescovo Simone Giusti, il nuovo Padre Provinciale Giovanni Martire Savina, la famiglia Trinitaria e tanti altri fedeli.Il vescovo Mons. Simone Giusti ha sottolineato che la Via Crucis di questa sera è in ricordo dei Cristiani perseguitati e degli schiavi e che i padri trinitari partendo proprio da qui, da Livorno andarono a riscattare in diverse parti del mondo.

Le persecuzioni verso i Cristiani proseguono anche ai nostri giorni.Alle parole del Vescovo, si sono aggiunti quelle di Padre Savina, Ministro Provinciale della Provincia S. Giovanni de Matha: “Sono gli stessi perseguitati martiri dei nostri tempi a chiederci soprattutto di pregare per loro. Perché solo dalla preghiera traggono la forza per continuare a vivere nonostante tutte le difficoltà, ponendosi quale esempio per tutti noi di come si debba vivere la fede”.

Vicariato S. Simone de Rojas

Il Vicariato di San Simone de Rojas ha vissuto la settimana di preghiera per i Cristiani perseguitati celebrando l’Eucarestia e percorrendo la Via Crucis.

Brasile

Argentina

Vicariato Sant’Agnese: Via Crucis per i Cristiani perseguitati

Gabon

Nel Vicariato S. Agnese hanno vissuto una meravigliosa esperienza, condividendo le sofferenze dei fratelli perseguitati. Hanno iniziato questa settimana di preghiera con confessioni, seguite dalla Santa messa. Poi hanno vissuto una Via Crucis per i nostri fratelli perseguitati con la partecipazione del Vescovo di Makokou, Sua Eccellenza Monsignor Joseph Koerber e della Famiglia trinitaria (frati, suore e laici).

Due frati in viaggio verso l’India

Venerdì 18 ottobre, si è verificato un fatto inusuale: infatti erano presenti sullo stesso aereo in volo verso l’India, Padre Luigi Buccarello (Ministro Generale), e Padre Jose Narlaly (Ministro Generale emerito). Dopo diciotto anni di esperienza di vita religiosa in Europa e soprattutto in Italia, a servizio dell’Ordine, prima come Vicario Generale per sei anni poi come Ministro Generale per dodici anni, padre Jose Narlaly è rientrato nella sua terra per continuare il cammino di fede, di vita religiosa e di servizio sempre per i Trinitari, nella sua giurisdizione. Ringraziamo Dio Trinità, per l’intercessione di S. Giovanni de Matha, che ha chiamato P. Jose Narlalyper la sua disponibilità a guidare l’Ordine secondo lo spirito del nostro Fondatore. Rimarranno sempre nei nostri cuori tutti i beni che ha seminato nell’Ordine. Insieme a lui, il nuovo Ministro Generale, Padre Gino in partenza verso una nuova missione fuori dal continente europeo, in occasione del primo Capitolo della Vice Provincia di S. Michele dei Santi (India) che si è celebrato dal 21 al 25 ottobre 2019. A lui vanno i nostri migliori auguri per questo nuovo importantissimo servizio alla guida del nostro Ordine.

Provincia Nostra Signora del Buon Rimedio e Vicariato S. Agnese

I nostri studenti di filosofia e teologia della Provincia Nostra Signora del Buon Rimedio e del Vicariato S. Agnese riprendono l’anno accademico dopo la pausa estiva e li accompagnamo con le nostre preghiere augurandogli un buon anno di studio

Provincia Nostra Signora del Buon Rimedio

Vicariato S. Agnese

I Trinitari e il Castello di Fontainebleau (Francia)

Insediati dal re San Luigi al suo ritorno dalle crociate, i trinitari vissero per più di cinque secoli nel perimetro del castello di Fontainebleau, fino alla Rivoluzione. L’associazione « Gli amici dei Trinitari » ha la missione di continuare a far vivere la loro memoria.
Ogni anno si celebrano tre messe nella cappella reale del castello in tre date importanti : nella domenica della SS. Trinità, in gennaio, per il battesimo di Cristo, e in ottobre, per la Festa di Nostra Signora del Buon Rimedio, venerata dall’Ordine Trinitario. Anche nella Cappella Reale l’associazione Amici dei trinitari fece benedire una statua di Giovanni de Matha (19 giugno 2011), ora a dimora nella chiesa parrocchiale di San Luigi di Fontainebleau, così come una statua di Nostra Signora del Rimedio (4 ottobre 2015) che è ritornata nella chiesa di San Pietro d’Avon dove si trovano numerose sepolture trinitarie. La Cappella Reale di Fontainebleau accolse con grande emozione il Ministro Generale emerito José Narlaly, che vi celebrò la messa il 9 febbraio 2013, durante le celebrazioni dell'8º centenario della morte del fondatore Giovanni de Matha. Le foto mostrano diversi aspetti delle feste che ebbero luogo nel castello in onore dell’Ordine Trinitario, dove gli abitanti sono coinvolti con gioia.
(Roseline Grimaldi-Hierholtz, Presidente degli Amici dei Trinitari)

Hermanas Trinitarias: Un modo di vivere

Come donne consacrate che seguono Gesù Cristo redentore e liberatore dei giovani bisognosi, il nostro stile di vita deve essere semplice, umile e dedito, mettendo in comune ciò che ognuno ha ed è. È uno stile di vita che si alimenta con l’Eucarestia, centro e modello della nostra Congregazione trinitaria. Si condivide giorno per giorno la fede, il pane, i talenti, l’amicizia e il lavoro.
Quando Dio Trinità è il nostro Centro, ci muove la stessa passione: l’amore che Gesù ci rivela, che si esprime in un amore tenero verso i giovani, una sensibilità speciale per i più bisognosi, e un aiuto reciproco nelle difficoltà e nei limiti umani.
Nelle Costituzioni della Congregazione leggiamo che la nostra norma di vita è l'amore, e così come si può portare a termine la missione solo se amiamo i giovani che Dio mette sulla nostra strada econfidiamo pienamente nelle sue possibilità allo stesso modo possiamo vivere insieme solo se i nostri cuori sono fissi in Dio Trinità.


Religiose Trinitarie di Valence

Ogni anno, la Congregazione delle Religiose Trinitarie, sceglie un tema che rappresenta ciò che esse vogliono vivere particolarmente con tutti quelli che sono in relazione con loro, in linea con il loro carisma. “Alzati e risveglia il mondo” questo è il loro tema per l’anno 2019-2020.

Care religiose e religiosi, risvegliate il mondo! Siate i testimoni di un modo differente di pensare, di
agire e di vivere!” (Papa Francesco).

Incontro annuale dei responsabili degli Istituti (Francia)

Le suore Trinitarie di Valence organizzano ogni anno un incontro dei capi degli istituti della rete trinitaria. L’incontro di quest’anno si è tenuto ad Avignone. Ed è stato segnato da una parte dalla partecipazione di padre Antonio Aurelio Fernández Serrano, Consigliere Generale dell’Ordine della Santissima Trinità e degli Schiavi, il cui intervento ha avuto grande impatto presso i capi degli istituti. E dall’altro, dalla presenza del nuovo delegato Bruno TESSIER.

21-25 ottobre, India: Capitolo della Vice Provincia S. Michele dei Santi

La Vice Provincia San Michele dei Santi, India, ha celebrato il suo Capitolo dal 21 – 25 ottobre 2019, con trentadue delegati provenienti da cinque paesi. Il Capitolo è stato presieduto da padre Luigi Buccarello, Ministro Generale dell'Ordine e facilitato dal Rev. Anton Paul, SDB. Padre Albert Anuszewski, Ministro Provinciale della Provincia Cuore Immacolato di Maria, è stato un invitato speciale al Capitolo. Durante le riunioni è stato eletto un nuovo Consiglio Vice-Provinciale:

•P. Joseph Muthuplackal Ministro Vice-Provinciale
•P. Jins Valiyakulathil Vicario Vice-Provinciale
•P. Pradeep Puthenveettil Economo Vice-Provinciale
•P. Bitaju Puthenpurackal Consigliere e Segretario Vice-Provinciale
•P. Meby Kallungal Consigliere


Inoltre, in seguito al Capitolo Vice-Provinciale, il 31 ottobre 2019, è stato ordinato sacerdote, in presenza di padre Luigi Buccarello, Ministro Generale, fr. Rinto Mukkattukavunckal. Formuliamo allora i nostri migliori auguri al nuovo Ministro Vice Provinciale e a tutti i Consiglieri. E li affidiamo all’intercessione del nostro Fondatore San Giovanni de Matha e della Beata Maria Vergine del Buon Rimedio. Auguri anche al neo sacerdote, di un fecondo servizio per il bene dell’Ordine, della Chiesa in particolare dei poveri e dei sofferenti.

25- 28 ottobre, Roma: Convegno dei Laici Trinitari d’Italia

Dal 25 al 28 ottobre 2019, si è svolto a Roma, presso la “Casa di Accoglienza e Spiritualità Enrico De Ossò”, Compagnia Santa Teresa di Gesù, in presenza di Padre Giovanni Martire Savina, Ministro della Provincia S. Giovanni de Matha e di Padre Matteo Santamaria, Assistente spirituale nazionale dell’Ordine Secolare Trinitario d’Italia, il Convegno Annuale dell’Ordine . Secolare Trinitario (SIT), sul tema: “Che significa ESSERE LIBERI”.

Un convegno all’insegna della testimonianza sul valore e sulla riconquista della libertà battesimale, per essere testimoni di Cristo nel mondo.

Infatti l’obiettivo di questo convegno è stato quello di proporre le testimonianze di coloro che hanno fatto l’esperienza della libertà come rottura dalle catene che ci tengono ristretti, di aiutare a liberare e sanare le profonde ferite dell’anima, un convegno testimonianza, dunque, in cui Dio Trinità si manifesta ancora attraverso ognuno di noi.Tanti relatori d’eccellenza si sono succeduti, come: Padre Antonio Aurelio F.S. Presidente del SIT, del Segretariato della famiglia e Segretariato Trinitario; la giovane studentessa universitaria, sig. ina Dolla Nader; il Prof. Nicola Calbi, Presidente emerito dell’OST – Italia; Don Raffaele Grimaldi dell’Ispettorato Generale dei Cappellani delle Carceri;

il Prof. Antonio Grassi, fondatore e mediatore famigliare e Sr. Leslye Sandigo, delegata mondiale dei Salesiani cooperatori, che hanno trattato di argomenti di interesse generale ma anche di carattere teologico, storico, antropologico e sociale. Inoltre questo convegno ha eletto il nuovo Direttivo con:
• Dolla Batour El-Zoghby- Presidente

Maria Rosaria Sergi-Vicepresidente, Emilia Fatato, Cosimo Catalano, Davide Malerba, Consiglieri, Mario Buccarello,Segretario e Tesoriere. Bisogna aggiungere poi che nella mattinata di domenica 27 ottobre, i partecipanti al convegno si sono recati alla sede nazionale del Laicato Trinitario in Italia presso San Tommaso in Formis, luogo in cui San Giovanni de Matha ha vissuto alcuni anni della sua vita. Dove i nostri laici venuti da diversi parti d’Italia (Roma, Cori, Napoli, Esperia, Gagliano del Capo, Santi Cosma e Damiano, Avezzano, Taranto, Torino, Genova e Milano) e dalla Spagna hanno partecipato alla Santa Messa concelebrata da numerosi sacerdoti e nella quale le nostre sorelle Giuseppina Brandonisio, Bianca Maria Cedola, Annamaria Angelini e Cinzia Silvi sono state ammesse all’Ordine Secolare Trinitario.

Religiose Trinitarie di Roma: Professione Solenne Suor Olivina

“Sr Olivina di San Giovanni de Matha, originaria del Madagascar, ha professato il suo “SI DEFINITIVO” al Signore nell’Istituto delle Suore della Santissima Trinità di Roma il 1° novembre 2019.
La Celebrazione Eucaristica si è svolta nella Chiesa San Pio V a Roma, presieduta dal Rev.do Padre Aldo Vicario Generale dell’Ordine della Santissima Trinità e degli Schiavi, con una quindicina di concelebranti. La partecipazione di tanta gente (religiosi, religiose, compaesani, amici, ...) lodando il Signore e pregando per la Suora ha dato grande gioia a tutti quanti e ha fatto commuovere. Sr Olivina con il suo pensiero “Non temere, perché io ti ho riscattato, ti ho chiamato per nome; tu mi appartieni” (Isaia 43,1) si è offerta allegramente al Signore per essere Trinitaria per sempre.

Ringraziamo Dio Trinità per la sua grazia immensa versata su questa nostra consorella, perché donarsi per sempre al Signore è una speranza di gioia per la giovane Suora, personalmente, e anche per tutta la Famiglia Trinitaria e di più un dono di Dio per la Santa Chiesa. È una bella testimonianza per tutti i giovani di oggi. La Vita Religiosa ha sempre la sua ragione di essere. A te lode, a Te gloria, a Te grazie nei secoli o Beata Santa Trinità! Sr Olivina ci ringrazia tanto, e mentre chiede di pregare per lei, ha promesso di pregare per tutti.

Scoperta/Riscoperta del patrimonio storico dell’Ordine e della Famiglia Trinitaria


In seguito alla richiesta di Fr. Carmel, nostro Segretario Generale, apriamo una piccola rubrica all’interno di Comunion, riguardante la scoperta e riscoperta del nostro patrimonio storico dell’Ordine e della famiglia trinitaria. Inizierei a presentare due trinitari missionari e martiri riconosciuti dalla popolazione locale come venerabili. Si tratta di Corneille O'CONNOR e di Eugène DALY. Entrambi originari dell’Irlanda, il primo nativo di Adare (nella contea di Limerick), città che ha avuto una casa dell’Ordine chiusa durante la riforma anglicana da Enrico VIII nel 1535. Corneille e Eugène entrano nel noviziato trinitario della casa di Clermont
in Beauvaisis in Francia e fecero la professione dalle mani di Fr. Claude Ralle, allora ministro di Fay. Essi completarono la loro formazione teologica a Bordeaux. Padre Corneille si recherà in incognito in Inghilterra dove sarà scoperto e condannato a morte ma l’intervento della Duchessa d’Aiguillon, nipote del Cardinale Richelieu e madrina di P. Corneille permetterà la sua espulsione verso la Francia. Nel settembre 1642, Louis Petit, allora ministro generale (1612-1652) portò la domanda di Mons. Richard Arthur, vescovo di Limerick di ristabilire una comunità e di riprendere possesso della casa S. James d’Adare. Dopo aver ottenuto diverse promesse da parte delle autorità civili, Corneille ed Eugène lasciarono Parigi, a fine novembre per Nantes, per potersi imbarcare e raggiungere il loro luogo di missione in Irlanda. Nel gennaio 1645, durante la traversata, la loro nave fu attaccata da un corsaro inglese chiamato John o Thomas Plunkett. Rendendosi conto che questi due uomini professavano la fede cattolica e che erano missionari, pazzo di rabbia, ordinò ai suoi uomini di gettarli in mare. I testimoni raccontano che annegarono immediatamente. Il racconto del loro martirio è stato pubblicato da Padre Jean Villette lo stesso anno come si può vedere in francese alla seguente pagina: La vie et le martyre du reverend P. Frère C. O'Conor et du Frère E. Dalii religieux de l'ordre de Saincte Trinité&redemption, etc - Google Play. Essi compaiono nell’elenco dei venerabili dell’Ordine nel Necrologium Ord. SS. Trinit. di Ignazio di Sant’Antonio (1707). (Fr. Thierry Knecht, O.SS.T.)

IN MEMORIAM
Padre Fidel Izaguirre

Il 14 novembre, è deceduto nostro fratello padre Fidel Izaguirre, della Comunità di Alcorcon, Provincia Immacolata Concezione.
Padre Fidel era nato a Laredo in Cantabria, il 12 maggio 1943. Era entrato nel noviziato di Algorta, il 20 settembre 1959, ha emesso la professione semplice il 28 settembre 1960 e la professione solenne il 7 dicembre 1965 a Roma. E’ stato ordinato sacerdote il 2 aprile 1967 a Roma.
Ci sentiamo in comunione di preghiera con i nostri Fratelli della Provincia Immacolata Concezione, e ci uniamo all’azione di grazie per la vita dI nostro fratello Fidel. Che la Santa Trinità lo riceva nel suo seno di infinito amore. R.I.P.

Padre Bonifacio Porres Alonso

Nostro fratello Bonifacio Porres Alonso, della Comunità di Antequera, Provincia dello Spirito Santo, è deceduto il giorno 25 novembre. Padre Bonifacio ha pubblicato molti libri di storia del nostro Ordine. Era nato a la Nuez de Arriba (Burgos), il 05/06/1931. Era entrato nel noviziato di Algorta, il 08/09/1947, ha emesso la professione semplice il 12/09/1948 e la professione solenne il 23/10/1954 a Roma. E’ stato ordianto sacerdote il 17/03/1956 a Roma.
Ci uniamo in comunione di preghiera con i nostri Fratelli della Provincia dello Spirito Santo, e ci uniamo all’azione di grazie per la vita di nostro fratello Bonifacio. Che la Santa Trinità lo riceva nel suo seno di infinito amore. R.I.P.